u BELÉM-PARÁ – La città di Belém ha presentato  in Italia il  13 Settembre un esempio di come mobilizzare la comunitá locale sul patrimonio storico e architettonico. Il Forum Universitá e Patrimonio, promosso dall’Unesco, che ha avuto  luogo a Firenze dall’11 al 16 di Settembre, ha invitato il Progetto Landi: Cidade Viva per mostare l’esperienza realizzata nella Capitale del Pará.

PATROCINANDO SUA LEITURA

Da Aprile a Giugno, un congiunto di attivitá artistiche promosse dal progetto hanno portato alla Cidade Velha circa  35 mila persone e innescato un dibattito in varie sfere della societá, includendo gli stessi abitanti e visitanti, circa la necessitá di politiche efficaci per la protezione del patrimonio.

Il lavoro svolto a Belém é stato considerato esemplare dall’Unesco, afferma il Coordinatore del Progetto, Flavio Nassar dell’Universitá Federale del Pará (UFPA). Flavio ci spiega che il progetto è stato presentato in una sessione speciale dell’evento che si è tenuto a Palazzo Vecchio in Firenze.

“Questo rappresenta il riconoscimento internazionale per quanto Belém sta facendo”, aggiunge che la UFPA vuole invitare una commissione dell’Unesco a visitare Belém e conoscere da vicino la dimensione del lavoro di ricerca multidisciplinare sulla storia e opera dell’Architetto italiano Antonio José Landi in Amazzonia, sotto tutti gli aspetti: sociali, religiosi, artistici, architettonici, urbanistici, scientifici, economici e politici.

In Italia un gruppo di professori dell’Universitá di Firenze ha presentato invece il risultato di una ricerca sull’architettura dell’epoca realizzata nel centro storico di Belém, dando ancora piú visibilitá al patrimonio architettonico, urbanistico e artistico dell’Amazzonia.

Flavio Nassar dice che il Forum Landi mantiene strette relazioni con alcune istituzioni d’insegnamento superiore italiane e portoghesi, come l’Universitá di Firenze, Bologna, di Porto ed autonoma di Lisbona. “Noi lavoriamo i principi della preservazione e memoria dell’Architettura di Landi all’interno di parametri internazionali”.

Fino a fine  2006 continua a Belém il Circuito Landi, un percorso di visite guidate nelle strette viuzze della Cidade Velha, dove i visitanti sono accompagnati da guide specializzate in un percorso all’incontro delle magnifiche opere che l’Architetto italiano del 700’ Antonio José Landi ha lasciato alla cittá di Belém.