Il Ministro delle Attività Produttive Claudio Scajola in visita istituzionale e politica

PATROCINANDO SUA LEITURA

Scajola ha partecipato ed incontrato  personalità del mondo economico e politico sia a Belo Horizonte come a San Paolo, si è dato una ora di tempo  per parlare con gli Azzurri nel Mondo

 

u SAN PAOLO-SP – Vivamente soddisfatto per il successo della “Missione Italiana in Brasile” al Meliá Mofarrej ha visto i simpatizzanti e sostenitori di Forza Italia, partito di Berlusconi che disputa una gagliarda battaglia per rimanere al governo dell’Italia.

Così ha iniziato – “Mi fa piacere essere qui con voi e vedere la bandiera di Forza Italia, così lontana dal nostro paese, in questa importantissima città di San Paolo. Non sono stato mai in Brasile, ma voi capite quanto siano importanti per ciascuno di noi  questi ultimi giorni dal risultato delle elezioni politiche. Sono venuto perché noi crediamo che sia fondamentale partecipare all’azione di governo  per portare avanti i nostri programmi, ma prima viene il dovere di fare stare meglio i nostri   concittadini, questa è la nostra filosofia, libertà, rispetto nei confronti delle persone.

Sono appena arrivato da Belo Horizonte dove ho partecipato alla commemorazione dei 30 anni della FIAT in Brasile, stabilimento molto importante come investimento e come numero di dipendenti e per immagine dell’Italia, ma anche per svolgere la missione di megliorare i rapporti cui si è troppo giocato fra il mondo dell’impresa quanto a Forza Italia e Berlusconi, (quando Berlusconi è andato in escandescenze alla riunione di Confindustria a Vicenza-ndr) ma Montezemolo due ore fa ha fatto una dichiarazione a favore del governo e questo mi sembra un buon risultato.

La missione economica ha portato qui 250 imprese italiane che hanno scambiato la loro possibilità di accordi con le controparti brasiliane. Andrò a Rio de Janeiro, dove mi incontrerò con il presidente della Petrobrás José Sérgio Gabrielli per analizzare quanto potremo fare insieme nel campo energetico, basati sull’esperianza storica che ha il Brasile con i biocarburanti.

La  mia presenza tra voi è per testimoniarvi gratitudine ed amicizia e mi ha fatto grande effetto vedere queste bandiere di FI  nel luogo di incontro.

Quando viaggio per motivi istituzionali e faccio il mio dovere, dedico   sempre poi uno spazio  per incontrare  le donne e gli uomini di Forza Italia, per dare il giusto riconoscimento a quelli che sono i nostri ambasciatori sul territorio e che meritano attenzione ed ogni cordialità per la professione di fede che fanno nei confronti del nostro partito, del nostro programma,  della nostra bandiera e del nostro leader.

Vi posso dare qualche esempio di maggiore soddisfazione che arriva dall’Italia; negli ultimi sondaggi fatti sugli indecisi, ebbene ci danno una vittoria per un punto se la percentuale dei votanti supera l’82%. Si sta scaldando di molto la campagna elettorale e questo è utile perché non c’è spazio per stare alla finestra ma si deve  decidere se stare di qua o di là.  Siamo oggi, molto più ottimisti di quanto potremmo esserlo ieri perchè  aimè, la crisi economica dell’Europa, la stagnazione che c’è stata in questi ultimi cinque anni non ha permesso di distribuire risorse  ai nostri concittadini e per di più con l’evento dell’Euro c’è stata una penalizzazione visiva nei primi due anni con l’aumento dei prezzi al dettaglio che ha creato dei problemi – poi quando si è al governo –  si è sempre detto “ piove governo ladro”  per cui le insoddisfazioni vanno a piovere, a cascare nei confronti di chi governa. Quando elenchiamo tutte le cose che abbiamo fatto in questi cinque anni ci meravigliamo  noi stessi, ma le persone ricordano sempre le cose di prima,  ci ricordiamo anche delle cose che vorremmo che avvenisssero e pensiamo più a queste, ma è anche giusto ricordare quello che si è fatto per dimostrare che abbiamo la credibilità per poter chiedere il voto su un programma che deve proseguire nel nostro paese.

Devo però dire con grande soddisfazione che il ministero che occupo in questo momento mi ha dato la possibilità di svolgere una parte delle mie attività all’estero, perché il Ministero delle Attività Produttive é complesso, é la somma di cinque ministeri e vogliono dire industria, commercio estero, energia, turismo, e molte di queste cose oggi sono  nell’economia globalizzata.

Proprio oggi ho fatto colazione con il presidente Lula – che non   è che abbia delle assolute vicinanze che si possono mettere con la nostra fazione politica – Lula mi diceva di fare gli auguri a Berlusconi perché vinca le elezioni  in Italia, ho fatto una telefonata ed ho ottenuto la stessa risposta, questo mi fa dire che in effetti è vero quello che appare a tutti i governanti europei e quelli che ho visto ed incontrato  girando per il mondo, che la coalizione di sinistra da la sensazione di ingovernabilità dell’Italia nei prossimi anni, quindi la preoccupazione che la vittoria  di quella coalizione, talmente variegata al proprio interno, dove sarebbero circa 90 i parlamentari tra comunisti, rifondazione comunista, no global, Caruso, verdi, che renderebbe  la coalizione non di centro sinistra ma di sinistra e che il governo  alla prima finanziaria si troverebbe di fronte all’ingovernabilità, quindi gli altri paesi nel mondo sono preoccupati che l’Italia posa avviarsi ad un periodo di instabilità politica, ciò in una economia globalizzata fa paura a tutti, perché tutti vogliono governi che siano stabili e che quando decidono una cosa la possono mantenere. Credo e spero che questo messaggio arrivi sempre di più agli indecisi e ci porti quindi alla vittoria.

Votate, perché questo voto sarà comunque un voto sul filo di lana, il Parlamento sarà composto e definito per pochi voti e quindi questa opportunità che questo governo vi ha concessa, il voto all’estero,  fate in modo che sia un vantaggio per chi lo ha proposto e non sia invece una penalizzazione, ma che sia un voto che da la maggioranza al centro destra, a Forza Italia che direi al meglio, rappresenta i valori del buon senso, dell’equilibrio, della moderazione, della libertà che è nel sangue di ciascuno di noi, diciamo i valori tradizionali dell’italiano che affronta la vita con molta pacatezza e determinazione senza avere mai estremismi nei propri atteggiamenti e  direi questi valori si trovano in modo particolare nei programmi e nella bandiera di Forza Italia.

Mi auguro un buon risultato, in modo particolare nell’America Latina e siccome il Brasile, che sì ha meno italiani registrati all’AIRE dell’Argentina, ma è il paese più significativo, più forte, che ha prospettive di crescita enormi, un paese che cresce in amicizia con l’Italia.

Mi auguro che Diego Tomassini possa essere il  vostro rappresentante  alla Camera dei Deputati e Antonio Chianello al Senato.  Credo sia difficile raggiungere gli elettori dovunque, si dice che in Italia una campagna elettorale ben fatta, riesce a raggiungere una percentuale  di votanti nel rapporto diretto non superiore al 30/40%, il resto è un rapporto   indiretto che arriva attraverso i media, credo che qui sia molto più difficile, in un territorio vastissimo bisogna andarli a cercare con il lanternino quelli che sono  gli italiani che hanno diritto al voto,  quindi è ancora più complicato. Datevi da fare, organizzate i moltiplicatori per riuscire a contattare le persone. Non siamo moltissimo aiutati da  RAI International, però ogni cosa complicata e difficile esalta le virtù delle persone intelligenti, è una caratteristica dell’uomo che attraverso le difficoltà ha la possibilità di crescere meglio, fatto che esalta gli italiani, ogni volta che l’Italia ha avuto momenti maggiori di difficoltà, meglio ha espresso la propria genialià, allora voi che siete i migliori degli italiani, peché siete vicini a Forza Italia avete la possibilità con il voto di eleggere i vostri rappresentanti, datevi da fare in questi ultime giornate per convincere chi non fosse convinto per consolidare la maggioranza di governo con Forza Italia”  – ha concluso tra gli applausi dei presenti.